Il consumo calorico è fortemente soggettivo, ma mediamente possiamo affermare che con la corsa si brucia 1 kcal per kg di peso per Km percorso. Una persona di 70 kg brucerà perciò 70 calorie a km percorso. Il camminatore consumerà la metà delle calorie bruciate dal corridore.

Tale valore è influenzato da diversi fattori da non sottovalutare, come il grado di allenamento, l’efficienza del gesto atletico, la pendenza del percorso, la tipologia del terreno calpestato, il vento, il tipo di indumenti indossati etc.

Per simulare sul tapis roulant  il dispendio energetico della corsa sui strada consigliamo sempre di utilizzare il tapis roulant ad una pendenza del 2-3%.

 

Il principio del dimagrimento sano

Dimagrire in generale non è così semplice. I principianti della corsa in una seduta di 30 minuti tendono a bruciare i carboidrati, perché questi richiedono una quantità di ossigeno minore anche ad andature lente.

Per dimagrire è necessario incrementare la massa magra a scapito di quella grassa con una dieta equilibrata e un esercizio costante.. Il muscolo (che fa parte della massa magra) è un tessuto vivo che consuma molto di più del tessuto adiposo. Ciò nonostante, ricordate che la massa grassa non può essere assolutamente azzerata. Negli uomini sani, infatti, questa percentuale non può scendere sotto il 3-4%, mentre nelle donne non può andare mai sotto il 13-14%.  

Quando corriamo il nostro corpo ha bisogno di energia e questa energia può essere presa da:

  • zuccheri, glicogeno
  • proteine
  • ATP
  • Grasso di deposito

 

Il nostro corpo utilizza in primis il glucosio che è immediatamente disponibile (non deve essere digerito) e poi il Glicogeno, che è uno zucchero presente nel fegato e che rappresenta una specie di riserva.. Dopo il Glicogeno, se nel corpo vi è poco ossigeno andremo ad attingere dalle scorte di ATP, che è una fonte energetica poco duratura, per poi passare alla disgregazione dei muscoli nutrendoci delle nostre stesse proteine. Se però nel nostro corpo vi è abbastanza ossigeno riusciremo a trasformare il grasso in glicogeno, bruciando peciò le riserve adipose.

Per i primi 20-30 minuti di attività il nostro corpo brucia solo il glucosio; per questo è necessario fare delle sedute di allenamento superiori ai 40-50 minuti.

 

Dimagrire grazie al tapis roulant

Per essere sicuri di svolgere un allenamento dimagrante dobbiamo utilizzare la fascia cardio (in genere sui tapis roulant viene utilizzata la Polar T 34) e fare questo calcolo semplicissimo: 220- età, da cui otteniamo la soglia massima di battiti (che è un valore da non superare mai). Ebbene, il 70% della nostra soglia massima è la frequenza cardiaca che ci permette di bruciare i grassi.

Facciamo un esempio:

Persona di 40 anni: 

Soglia massima 220-40 = 180

il 70% di 180 è 126 battiti

Quindi per bruciare grassi una persona di 40 anni deve correre a 120-130 battiti

Se si vuole veramente perdere peso con il tapis roulant il consiglio è quello di arrivare a correre per 50 minuti a giorni alterni al 70% della propria frequenza massima.

Dopo il primo mese di allenamento potrete iniziare a variare il tempo di allenamento e la velocità, dedicando 2 dei 3 o 4 allenamenti a lavori specifici per migliorare la potenza respiratoria e muscolare.

Commenti (6)

  • paolo
    30/Oct/2017 14:22

    Buonasera Stefano io ho 53 anni e per perdere peso dovrei correre tra 115 e 120 cioè il 70% secondo i calcoli ma io raggiungo quella soglia camminando a passo svelto, cosa mi consigli?

    Rispondi

    • stefano
      31/Oct/2017 17:58

      Salve Paolo, questo avviene perchè è poco allenato e il battito sale presto.
      ora non tenga conto di questo dato, consiglio solo di non superare i 168 battiti, con il passare del tempo e degli allenamenti i battiti si abbasseranno.

      Rispondi

      • paolo
        03/Nov/2017 13:21

        Salve Stefano, aiutami cortesemente a capire una cosa, attualmente io corro per 35 minuti a 10 KM/h, 5 minuti di ripresa a 6 km/h, altri 15 minuti 10 km/h, il tutto a pendenza 1 e raggiungo massimo 145 battiti tranne l'ultimo minuto che arriva a 150. Lo seguo da pochi giorni, a volte riesco a correre anche il giorno dopo, altre a giorni alterni senza nessuna difficoltà respiratoria, solo un leggero affaticamento alle gambe negli ultimi 2 minuti.
        Nella mia ignoranza pensavo che questo fosse il ritmo giusto per perdere peso invece mi accorgo che nonostante io faccia una alimentazione più o meno bilanciata il peso non scende per niente.
        A tuo parere è meglio calare il ritmo e quindi camminare veloce invece di correre per perdere peso? Purtroppo non riesco a mandare via la zona riguardante l'ombelico, che mi da fastidio quando ballonzola durante la corsa.
        Grazie ancora

        Rispondi

  • Maria Teresa
    29/Jan/2018 17:03

    Salve Paolo, le volevo chiedere un consiglio:ho iniziato ad usare il tapis roulant da quasi un mese, tutti i giorni tranne il week end, ad una velocità massima di 6,2 alternata a velocita di 5,8 per 50/60 minuti,, vorrei perdere 4/5 kg, ma non ho visto risultati, tranne che mi fanno male le gambe. Che consiglio mi puoi dare, sulla velocità e pendenza? Grazie mille.

    Rispondi

    • Maria Teresa
      29/Jan/2018 17:06

      Ho dimenticato di dire che ho 53 anni

      Rispondi

  • Maria
    19/Jul/2018 23:28

    Salve,ho 34 anni e peso 52 kg e pratico attività sportiva 4 volte a settimana con corsa..ma purtroppo non riesco a perdere peso..mi potete aiutare?le mie uscite sono quasi sempre di max 10km in meno di 50 min..

    Rispondi

Inserisci un commento

Annulla la risposta